Crea sito

Non chiamarmi Terremoto!

Conoscere il terremoto può salvarti la vita!

NON CHIAMARMI TERREMOTO
È un mediometraggio che utilizza la tecnica narrativa della fiction, che unisce un interesse e un punto di vista emotivo ed esperienziale con le informazioni scientifiche necessarie a capire come comportarsi prima, durante e dopo un terremoto per ridurne gli effetti rispettando le norme sismiche con un occhio di riguardo all’efficienza energetica.

sinossi
Marta, 12 anni, vive a L’Aquila, dove tutti la conoscono con il soprannome “Terremoto”.

Dopo la notte del 6 aprile 2009 nessuno riesce a chiamarla più così. Il terremoto l’ha trasformata e non solo nel nome.

Un anno dopo l’evento, Marta e la sua classe si dedicano all’allestimento di una mostra sul terremoto in occasione del primo anniversario del sisma che ha colpito la sua città.

Attraverso una serie di esperienze e di incontri, la protagonista si trasforma da ragazzina in giovane adulta diventando sempre più consapevole.

Non si rassegna al fatalismo e non si fa guidare neppure dalla paura. Impara invece a riconoscere le strutture antisismiche e i rischi connessi a un territorio dove il terremoto, prima o poi, torna sempre. E capisce come comportarsi quando la terra trema.

un racconto basato su una storia vera
La protagonista della fiction, la sua famiglia, i vigili del fuoco e i cittadini che compaiono nel film hanno tutti vissuto il terremoto di L’Aquila del 6 aprile 2009. Hanno scelto di prestarsi gratuitamente alla realizzazione di questo filmato con il desiderio di dare il loro contributo per diffondere la conoscenza su come si possano ridurre i danni prodotti dai terremoti.

per sconfiggere la paura con la cultura
Il film è un’idea che nasce nell’ambito del progetto di formazione e scoperta del rischio sismico - EDURISK (www.edurisk.it).

I terremoti e le eruzioni vulcaniche sono eventi con cui l’Italia si confronta da sempre. È opinione diffusa che non si possa fare molto verso queste calamità naturali. In realtà per difendersi dal rischio bisogna conoscerlo. Nessuna azione preventiva individuale o collettiva è altrimenti efficace.

Sulla base di questa convinzione nel 2003 alcuni ricercatori (geologi, sismologi, storici, ingegneri, psicologi) hanno dato vita a EDURISK, che nel corso degli anni ha coinvolto centinaia di scuole su tutto il territorio nazionale.

Il terremoto di L’Aquila si è verificato proprio mentre era in corso un’attività che coinvolgeva tre istituti scolastici aquilani e una scuola di Sulmona.