Crea sito

I forti terremoti che hanno colpito l'Emilia Romagna potevano essere previsti? I precursori come sempre ci sono stati,ci resta interpretarli....

Proviamo a parlare del tema previsione,ma per ora senza creare troppe polemiche (già se ne stanno sentendo troppe a mio dire) ,anche in rispetto delle vittime.
Il Terremoto benché ritenuto impossibile da prevedere dalla “scienza ufficiale”,così come altri fenomeni naturali non arriva del tutto all'improvviso,ma ci invia dei segnali ben precisi. Il problema però,è sostanzialmente quello di riuscire a ricevere,capire,interpretare e utilizzare tutti questi segnali per prevedere effettivamente il terremoto in giorno,magnitudo ed epicentro.
Proviamo ad analizzare questi segnali:

9 maggio 2012: nella foto da me scattata 11 giorni prima del terremoto potete osservare una formazione di "earthquake clouds",termine inglese con il quale vengono definite da alcuni ricercatori,proprio perchè anticiperebbero i forti terremoti. _Secondo alcuni il vapore acqueo sotterraneo, sottoposto ad altissime temperature e smisurate pressioni, irromperebbe in superficie attraverso una o più fessure e salendo di quota, raggiunti gli strati più freddi dell’atmosfera, si condenserebbe in una formazione nuvolosa. La nuvola così generata sarebbe perciò una specie di segnale: posizione ed orientamento indicano l’ubicazione del sisma, mentre le dimensioni si riferiscono all’intensità. _secondo altri invece,queste farebbero vedere proprio l'onda elettromagnetica che attraversa le nuvole.

Il 14 Maggio 2012 come si può notare dal grafico della stazione rilevatrice del campo Geomagnetico di Tombolo il provincia di Padova (del prof.Valerio Curcio) ,è iniziata una fortissima anomalia Geomagnetica,che si è poi ripetuta il 27 Maggio,cioè prima della seconda forte scossa. Le anomalie hanno superato i 5000 punti sopra la soglia.

Lunedì 28 maggio a radio l'aquila 1 intervista a Giampaolo Giuliani: " Abbiamo una situazione strana.... sul bacino abbastanza tranquilla con solo eventi strumentali.... e per le prox. ore rimarrà così....... Osserviamo però delle anomalie abbastanza forti lontane dal nostro territorio per un raggio di circa 400 km.... ma non si può dire se a nord o a sud....... in quanto le nostre strumentazioni non arrivano così lontano......."

Conoscerete certamente Raffaele Bendandi,famoso per aver previsto diversi terremoti.

Ecco,26 Maggio 2012   è questa una delle date presenti in uno dei carteggi di Bendandi per il 2012,ma la cosa strana è che questa data è stata sottolineata... ho avuto fra le mani circa 45 date presente nei carteggi di Bendandi,ma questa è la prima data che ho trovato sottolineata...forse anche se non ha indovinato il giorno preciso,aveva previsto questo terremoto? sennò perché avrebbe dovuto sottolineare quella data,proprio quella...?

Secondo alcune testimonianze,prima del terremoto si sono notati anche comportamenti anomali degli animali e innalzamento dell'acqua nei pozzi.

E questi sono solo alcuni dei segnali che la nostra terra ci da,per questo si dovrebbe investire in rilevatori per "captare" questi segnali e salvare delle vite.

                                                                                                                         Daniele Marcelli